The Mozetic Carlo's WEB site

Nel mondo c'è tanta gente che "dice" di saper fare cose straordinarie, ma sono in pochi quelli che le sanno fare realmente...

Democrazia dittatoriale

May 232022

undefined

"Democrazia dittatoriale" questa espressione sembra essere un ossimoro, esattamente come "dittatura democratica", cioè in realtà è quello che succede oggi in Italia, ma non soltanto oggi, succede da anni, anzi da decenni... Poi ci lamentiamo di Putin e della guerra in Ucraina, ma noi italiani siamo veramente sciocchi a non capire che la nostra politica e la magistratura ci sta manovrando e ci ha sempre manovrato dall'inizio del "boom economico" degli anni '60.

Avevamo richiesto otto quesiti referendari, sono stati raccolte sufficienti firme per tali quesiti e che alla fine sono stati validati in una prima istanza, viste le massicce affluenze nei gazebi sparsi per tutto il territorio italiano, ma poi ce ne sono stati concessi solo cinque, perché gli altri tre, quelli più importanti, sono stati dichiarati "inammissibili" dalla nostra Corte Costituzionale... Una Corte che era presieduta da un certo personaggio che si chiama Giuliano Amato... Ve lo ricordate chi era Giuliano Amato? E' lo stesso tizio che si era inventato l'ICI, cioè la famosissima imposta patrimoniale che oggi di chiama IMU, e che in una notte del 1992 (negli anni bui della mattanza dei Magistrati), non appena era diventato Presidente del Consiglio dei Ministri, ha deciso "di nascosto", cioè all'insaputa di tutti e senza alcuna autorizzazione formale del Parlamento, di prelevare i soldi (molti soldi, lo 0,6% per esattezza) da TUTTE le somme depositate nelle Banche italiane, cioè lo 0,6 % di tutti i risparmi che gli italiani custodivano gelosamente in banca, indistintamente e senza alcun criterio. Lui dice che lo ha fatto per tamponare il buco di bilancio che si era trovato a dover gestire, ma in realtà fu una vera e propria rapina organizzata e perpetrata direttamente dal Governo italiano, fu uno scandalo senza precedenti!

E secondo Voi QUESTA sarebbe una democrazia? E' democratico non essere mai sicuri di poter custodire legalmente i propri risparmi in un Istituto di credito, pubblico o privato che sia, di un Paese "libero" come viene definito quello nostro? E' democratico non poter richiedere una legge seria sull'eutanasia? E' democratico non poter richiedere un risarcimento ai Giudici in caso di gravi errori giudiziari? E' democratico non poter avere una legge per l'utilizzo della cannabis, anche se solo per uso terapeutico a livello individuale? In Europa ci fregiamo di "essere dalla parte giusta", ma in realtà anche noi siamo degli schiavi di un potere marcio che ci sta dissanguando giorno per giorno, un potere non molto diverso da quello che trent'anni fa ha avuto il coraggio di ammazzare uno dei pochi garanti di una VERA democrazia che in Italia non c'è mai stata, un fedele custode di un sacrosanto diritto di libertà, un diritto che ci viene negato oggi così come ci venne negato allora: il Dott. Giovanni Falcone. E con lui la sua adorabile consorte, Francesca Morvillo.

Genesis - No Son Of Mine

May 122022

Dedicato a chi scappa, perché non sopporta di vivere in un incubo.

Dedicato a chi si ritrova in un incubo, ma sopravvive e non scappa.

Dedicato a chi non sopravvive, non scappa e non ha più incubi.

Ma non bastava la pandemia?

Mar 312022

Fino ad oggi non mi sono pronunciato in merito al conflitto in Ucraina perché sarebbe stato troppo complicato scrivere il mio pensiero e nessuno si sarebbe mai sprecato a leggerselo. Però posso dire che le mie idee sono vicinissime a quelle del Prof. Orsini della LUISS, così vicine che ho deciso di collezionarle e di pubblicarne una breve sintesi che troverete di seguito.

L'unica affermazione in cui non mi trovate d'accordo col Professore è quella che inizia al minuto 24:10 e cioè quando lui dice che Putin sarebbe un tiranno... Ecco, per me Putin non è affatto un tiranno e neppure un feroce sanguinario come molti lo hanno dipinto recentemente. E non è nemmeno un aguzzino, un pazzo o un visionario, come invece alcuni leader dei Paesi occidentali hanno spesso dimostrato di essere negli ultimi vent'anni. Per quanto mi riguarda Putin è invece una persona abbastanza equilibrata (e meno male che lo è, altrimenti a quest'ora un altro più fanatico al posto suo ci avrebbe già fatto pentire di essere nati...), e da leader del suo Paese sta solo facendo gli interessi del Popolo russo. E non mollerà la presa per nessun motivo, perché se è arrivato a fare ciò che ha fatto in Ucraina è proprio perché evidentemente non c'erano alternative perseguibili per il suo Popolo e per i suoi sostenitori del Donbass nel breve-medio periodo. D'altra parte quel vergognoso massacro che si protraeva da otto anni nel sud-est dell'Ucraina e sapientemente nascosto da un astuto silenzio stampa non poteva più andare avanti (vedi il "Protocollo di Minsk" che risale al 2014 e del quale sia la Germania che la Francia si erano fatti garanti). Putin ha un piano ben preciso che vuole rispettare fino in fondo, e non ci sarà nessun "mediatore occidentale" che gli farà cambiare idea, di questo ne sono certo. Né le sanzioni e tanto meno il riarmo dell'Ucraina serviranno come deterrente, anzi, potranno solo aumentare il numero dei morti e dei feriti da entrambe le parti con una conseguente dilazione della durata del conflitto, oltre che al suo pericoloso inasprimento.

Cosa avrei fatto io? Non avrei inviato armi in nessun caso, avrei inviato SOLTANTO aiuti, tanti tanti aiuti, umanitari e logistici, cibo, acqua, vestiti, scarpe, coperte, medicine, sacche di sangue, ossigeno, materiale sanitario, ambulanze, tensostrutture, container riscaldati, ospedali da campo, medici, infermieri, volontari e chi più ne ha più ne metta!.. Tutto quello che serve per preservare l'incolumità di civili e militari, e per tutelare anche soltanto una singola vita, perché anche solo una vita è preziosa, ma non avrei mai inviato niente, assolutamente niente che possa continuare a minacciare la vita altrui. E li avrei mandati ad entrambi i Popoli che stanno combattendo in quei territori, senza distinzione di bandiere, sia agli Ucraini che ai soldati Russi, perché chi combatte mettendo a rischio la propria vita sta solo eseguendo degli ordini, e quando ci si ferisce o si muore in un conflitto non esiste una "etichetta" o una "bandiera" che possa distinguere gli uni dagli altri... entrambi hanno il diritto di essere aiutati. Ucraino o Russo un ferito è sempre un ferito, un morto è sempre un morto! E inviare armi come aiuto in un conflitto per sostenere una delle due fazioni può solo portare a un aumento indiscriminato del numero dei morti e dei feriti, di sicuro non favorisce la pace.

Ma anche promuovere pesanti sanzioni non favorisce la pace... Tutte le volte che vedo in TV Mrs. Von Der Leyen che annuncia nuove sanzioni nei confronti della Russia... beh io mi metto a ridere, e lo faccio alla grande pure quando sento parlare delle agenzie di ratings (quelle che piacciono tanto al nostro attuale Premier), ovvero di Standard & Poor's, Fitch e Moody's (o Merrie Melodies, così come li chiamo io) che dedicano la loro inutile esistenza ad affibbiare voti all'affidabilità economica dei singoli Stati per premiarli o per affossarli in base al ridicolo ma spietato giudizio di sconosciuti sedicenti economisti americani, un pò come facevamo noi da ragazzini sulla spiaggia che davamo i voti a tutte le ragazze che ci passavano davanti mentre eravamo svaccati sulle sdraio... Sembrerà un paradosso ma anche noi italiani oggi purtroppo dipendiamo da quei ridicoli voti, e di questo dobbiamo ringraziare calorosamente tutti i nostri precedenti Governi che si sono succeduti da almeno quarant'anni a questa parte e che hanno volutamente spalleggiato quella grandissima fregatura che si fa chiamare "Europa Unita" (uno scherzo, una definizione quanto mai effimera al giorno d'oggi, direi quasi un ossimoro) a cui oggi purtroppo apparteniamo e che, malgrado tutto, continua ad umiliare pesantemente noi italiani in ogni occasione possibile. Sono proprio quei voti che decidono oggi se le cose vanno bene o male in una buona parte dei Paesi nel mondo. E la Russia? La Russia se ne strafrega altamente di quei voti, e lo ha dimostrato con le nuove disposizioni sui pagamenti del gas... Non si può pensare di intaccare l'economia russa con i voti attribuiti da quattro mediocri economisti di oltreoceano, nemmeno lontanamente, così come non si può pensare di fiaccarla oltremodo con delle sanzioni, per quanto pesanti queste possano essere. Per farvi un'idea più precisa prendete un mappamondo e guardate quant'è grande l'estensione del territorio russo; poi paragonatela a quello europeo e a quello americano e vi renderete conto da soli di quanto oggi siano ridicole e insensate le affemazioni di tutti i Paesi occidentali nei confronti della Russia, incluso il nostro. Affermazioni così offensive, arroganti e pretestuose che farebbero incazzare chiunque, non soltanto Putin, ci vuole veramente poco a capirlo. E secondo Voi sarebbero questi i presupposti per invocare la pace?! Governare un Paese enorme come la Russia o la Cina non è da tutti, ed è proprio questo che le nazioni occidentali fanno veramente tanta tanta fatica a capire...

Nessun soldato ha più ragione o più torto nei confronti del suo avversario, nessuno dei due vince al termine di un conflitto, hanno perso entrambi a prescindere dalle motivazioni, e questo vale sia per chi muore e sia per chi sopravvive! Sono i governi che ordinano le guerre, non i soldati e neppure i generali, noi occidentali di solito non usiamo più le pallottole o i carri armati, siamo abituati ormai a sostenere i conflitti con le sanzioni, feroci sanzioni economiche che affamano i popoli che le subiscono, con tutte le conseguenze che questo comporta (fame, suicidi, terrorismo, malavita, malattie, ecc.). Ma un morto è sempre un morto, e tu che lo ammazzi sei comunque un assassino, sia se gli hai sparato tu in un modo barbaro ma anche se gli hai semplicemente tolto il cibo con cui sfama se stesso e la propria famiglia, un modo subdolo e ignobile che di sicuro non ti rende molto migliore di uno che spara, anzi!.. E dovresti farti schifo lo stesso se lo hai fatto ammazzare da un altro al posto tuo solo perché sfrutti uno che ha fame per fare ciò che non hai il coraggio di fare tu. L'unica differenza è che se tu spari al tuo nemico tu lo ammazzi e basta, se invece gli levi il cibo lo ammazzi lo stesso ma lo fai anche soffrire a lungo prima che lui muore. Ecco, noi burocrati europei siamo diventati dei maestri in questo tipo di stillicidio, una pratica tanto indecorosa quanto disdicevole della quale dovremmo solo vergognarci! Ecco, io sono fiero di essere italiano ma mi vergogno moltissimo del nostro attuale Governo, un Governo che non comunica con il Popolo e che non si confronta in Parlamento, malgrado fosse obbligato a farlo dalla nostra Costituzione; un Governo che in questa fase così delicata assume arbitrariamente un atteggiamento scandaloso e del tutto asservito alle mire espansionistiche occidentali, un Governo assolutamente incapace di creare e sostenere le condizioni minime per promuovere la pace in qualsiasi parte del mondo. Ci vantiamo di essere dei "pacifisti democratici" ma in fondo stiamo solo facendo gli interessi dei più feroci guerrafondai americani, ai quali poco importa quale sarà la fine del vecchio continente in caso di guerra.

Siamo diventati degli esperti nel costruire appositi teatrini mediatici nei salotti della TV al mero scopo di illudere il nostro Popolo, ovvero di orientare il pensiero dei cittadini come più ci piace diffondendo un falso consenso unilaterale, facendo credere loro che la nostra democrazia è meravigliosa in confronto ai barbari regimi totalitari asiatici e orientali, ma poi sotto sotto a quegli stessi regimi noi facciamo la guerra, una guerra infida e spietata, lunga e interminabile, e la facciamo di nascosto approfittando delle più subdole distrazioni che ci vengono in mente. Gli facciamo credere che siamo i loro fratelli e che li vogliamo aiutare vendendogli le nostre armi, e invece in questo modo alimentiamo soltanto i loro conflitti interni con cui quella gente si scanna in continuazione da decenni facendoci sembrare sempre più ricchi e più prosperosi rispetto a loro. Li annientiamo piano piano, mentre sfruttiamo le loro preziose risorse del sottosuolo rosicchiando tutti i pochi margini di sicurezza e di stabilità che quei Popoli si erano faticosamente conquistati nel corso degli anni e con tanto tanto sacrificio. Gli facciamo la guerra sperando che non se ne accorgano, una guerra economica, sporca e silenziosa, finalizzata solo allo sfruttamento di quella gente che noi additiamo sempre come "incivile" e che invece ancora oggi è in grado di combattere molto meglio di noi, con coraggio, con orgoglio, con l'onore e il rispetto del prossimo che invece noi non abbiamo più. Ecco, oggi il Popolo Ucraino vorrebbe unirsi a noi europei per diventare come noi, per diventare degli "illusi democratici filoatlantisti" come lo siamo noi, si stanno facendo sterminare soltanto per questo... e onestamente ancora oggi faccio molta fatica a capire quanto ciò ne valga la pena.

Atom

Powered by Nibbleblog