The Mozetic Carlo's WEB site

Nel mondo c'è tanta gente che "dice" di saper fare cose straordinarie, ma sono in pochi quelli che le sanno fare realmente...

Transizione ecologica, tutta la verità

Sep 152021

undefined

Finalmente ieri sera qualcuno ha avuto il coraggio di raccontare la dura verità in merito alla tanto blasonata "transizione ecologica" con la quale i nostri politici amano riempirsi la bocca senza avere la più pallida idea, nemmeno vagamente, di ciò che dovrà comportare questa epica rivoluzione ambientale per raggiungere il vero obiettivo di salvare il nostro pianeta. Mi riferisco alle dichiarazioni di due eccellenze del giornalismo italiano, Federico Rampini e Giovanni Minoli, entrambi presenti in studio durante la trasmissione "Stasera Italia" andata in onda alle 20,30 circa su uno dei canali Mediaset e magistralmente condotta come sempre da Barbara Palombelli, ovvero l'alternativa più che dignitosa al "bestiario" serale condotto da Lilly Gruber, una trasmissione TV decisamente penosa e ormai inguardabile, ancorché indecente e palesemente faziosa...

Ebbene, durante uno dei suoi interventi Rampini ha focalizzato l'attenzione su "quanto ci costa" affrontare questa transizione, ma non soltanto in termini economici. L'atroce amarezza di questa "pillola" è già stata "assaggiata" dal Ministro Cingolani che da quando si è seduto alla sua scrivania nel suo nuovo Ministero ha preso seriamente in considerazione l'ipotesi di rivoluzionare le politiche energetiche di questo Paese, ma presto si è accorto che i conti che si era fatto proprio non gli tornavano. Uno dei motivi per cui egli aveva "accennato" recentemente a un possibile ritorno del nucleare in Italia probabilmente è proprio questo, salvo poi scusarsi e correggere il tiro (introducendo la parolina magica "fusione" prima di nucleare) dopo essere stato selvaggiamente ripreso dai "puristi" grillini che su questo tema da molti anni vanno sbandierando moralità divine e assolutamente prive di senso. Infatti la "fusione" nucleare oggi ancora NON ESISTE e molto probabilmente non se ne parlerà prima del 2035, forse, e salvo imprevisti. Ma a questo punto però è meglio che vi vediate subito questa clip che ho estratto dalla puntata di ieri, 14 settembre, di Stasera Italia.

Quello che dice Rampini è che NULLA si costruisce dal NULLA, e cioè che per produrre batterie e celle solari bisognerà necessariamente estrarre grandi quantità di alcuni minerali (terre rare come il litio e il palladio) e tutto questo ha un costo, anche e soprattutto in termini di CO2, ovvero il peggiore di tutti i gas serra, quello stesso gas serra che noi vorremmo ridurre drasticamente. In pratica: quanta CO2 bisognerà immettere nell'ambiente per riuscire ad estrarre tutti quei minerali che serviranno per produrre un quantitativo enorme di batterie e di pannelli solari? Ci avevate mai pensato? Inoltre, non potremo mai fare a meno delle centrali termoelettriche, perché sia il sole che il vento non sono sempre presenti laddove esistono gli impianti per estrarre queste energie rinnovabili e noi non abbiamo ancora studiato un valido sistema di stoccaggio dell'energia per bilanciare queste "carenze" energetiche che possono protrarsi anche per un lungo periodo. E come le fai funzionare le centrali termoelettriche senza i combustibili fossili? D'altra parte abbiamo già detto che il nucleare "pulito" ancora NON esiste!.. E allora che si fa? Torniamo alle centrali a fissione? E poi: supponiamo che domani mattina tutti noi ci trovassimo a disposizione sotto casa una bella auto elettrica nuova nuova per muoverci e viaggiare... Quanta energia elettrica ci vuole per ricaricare quotidianamente le batterie di milioni di vetture elettriche? Come fare per avere a disposizione tutta quella energia per rifornire le nostre auto nuove a zero emissioni? E quando le batterie delle nostre auto saranno esauste, e si dovranno sostituire, chi si occuperà del loro riciclo? E quanto costerà questa operazione anche dal punto di vista ecologico e/o ambientale? E questi super-cervelloni "green", mitomani perversi e ultra-prezzolati soggetti che pontificano fantastici scenari futuri, perché non ci dicono come fare per risolvere questi "piccoli" e "insignificanti" dettagliucci tecnici?!? Questo non è disfattismo, credetemi, questo significa solo essere realisti!.. e non ci vorrà solo un mese, un anno o dieci anni per porre rimedio a tutti i danni che abbiamo saputo infliggere al nostro pianeta nell'ultimo secolo, e chiunque avesse il coraggio di affermare il contrario è un emerito IMBECILLE! Non dico che bisogna lasciare le cose così come stanno, assolutamente, anzi dico che bisogna iniziare seriamente a fare qualcosa per questo nostro povero pianeta, ma se ci facciamo prendere dal panico per rincorrere troppo precipitosamente una vera e propria metamorfosi delle attuali politiche energetiche il rischio è quello di peggiorare la situazione anziché di migliorarla... tutto qui. Dichiarazioni shock come ad esempio: "...dal 2025 solo auto elettriche!", oppure: "...dal prossimo anno soltanto bus a idrogeno!"...ecco queste profonde idiozie lasciamole raccontare ad altri, se è vero che in altri Paesi oggi esistono già le condizioni per iniziare una graduale migrazione verso nuove tecnologie "green" (vedi la Svezia che ha una densità di popolazione ridicola e ha ancora 10 reattori nucleari attualmente in funzione) è altrettanto vero che qui in Italia la strada da percorrere per fare le stesse cose è decisamente molto più lunga e tortuosa. Di sicuro non ci salveranno né i monopattini elettrici né le piste ciclabili ricavate frettolosamente sopra i marciapiedi, l'era delle puttanate galattiche, astutamente concepite da sedicenti ecologisti dell'ultimo minuto ed elargite gratuitamente al Popolo italiano solo per scopi elettorali, è finita da un pezzo!

La verità è che fino ad oggi ci hanno raccontato una scandalosa MONTAGNA DI BALLE, prima o poi saremo costretti a ritornare al nucleare che conosciamo (centrali di quarta generazione, molto più efficienti e sicure di quelle ormai vetuste, ma pur sempre centrali a fissione) per evitare i contunui rincari delle bollette. Perché, volenti o nolenti, ancora oggi dipendiamo dai combustibili fossili e dall'energia elettrica che acquistiamo dall'estero a caro prezzo; essa è prodotta attualmente utilizzando quegli stessi materiali radioattivi pericolosi che noi in Italia abbiamo deciso di non avere e di non utilizzare a partire dal lontano 1987. Eppure siamo circondati di centrali nucleari, alcune di esse si trovano appena dietro ai nostri confini. Voi direte: ma ci vogliono anni per costruire delle nuove centrali nucleari che oltretutto costano pure parecchio... Eh certo che costano tanto, non è una novità, ma offrono anche migliaia di posti di lavoro in più, parliamo di manodopera qualificata, mica uno scherzo! E in ogni caso ci vorrà meno tempo a costruire nuove centrali nucleari a fissione che attendere l'avvento del "nucleare pulito", ovvero le centrali a fusione. E anche se dopo il 2035 si riuscirà ad ottenere una vera e propria "fusione" in un ambito sperimentale prima di realizzare delle vere e proprie centrali termoelettriche a fusione passeranno almeno altri dieci anni... Certo, anche noi in Italia avremo presto delle auto elettriche (cinesi) a nostra disposizione, ma esse avranno sempre dei costi di esercizio e di manutenzione proibitivi, e sarà complicato utilizzarle in Italia senza prima rivedere radicalmente tutte le politiche energetiche di questo Paese. Altro che transizione ecologica! Se continua così i Paesi che oggi ci riforniscono di energia presto ci spolperanno ben bene e ci lasceranno senza un soldo in tasca. Infatti è assolutamente inutile e controproducente "vivacchiare" all'infinito sognando angeli e uccellini danzare insieme sopra delle nuvolette rosa ascoltando i proclami e le belle parole confezionate all'occorrenza dalle varie correnti politiche che mentono spudoratamente solo per raggranellare voti e consensi... In questo caso, credetemi, è MOLTO meglio stare con i piedi ben piantati per terra piuttosto che farsi tentare dalle mere illusioni pirotecniche collezionate ad arte nei talk-show più melanconici e deprimenti come quello di Floris, che ancora ha il coraggio di ospitare personaggi tristi e altamente sgradevoli come la Fornero e che di solito lasciano il tempo che trovano su altre reti televisive, per fortuna... Evviva l'invenzione del telecomando! Intanto prepariamoci alle prossime "sorprese in bolletta", la stangata che sta arrivando in autunno sarà soltanto un piccolo "assaggio"...

20 anni di dubbi e di incertezze

Sep 112021

Vent'anni senza appropriate risposte, soltanto ridicole ricostruzioni che però hanno saputo convincere anche i giornalisti più razionali e ostinati nel cercare la verità (vedi Enrico Mentana). Ma cosa resta dopo quel terribile giorno di venti anni fa? Oltre all'amarezza e al dolore di una lunga guerra che è appena finita e che ha lasciato le cose esattamente allo stesso modo di quando era iniziata (a parte le migliaia di vittime fra civili e soldati) restano soltanto i dubbi, tanti dubbi su quello che sia realmente accaduto... Ecco un famoso documentario che ne parla senza pregiudizi ma semplicemente analizzando i fatti che ci hanno raccontato.

Cliccando QUI potrete leggere il post che scrissi cinque anni fa in merito agli stessi dubbi. Coltivateli anche Voi questi dubbi, almeno fino a quando non verranno fornite risposte plausibili ed esaurienti.

Consacrato all'eternità

Aug 132021

undefined

"Prima o poi vince la morte, ma la morte vince una volta sola, la vita può vincere ogni giorno". Questo diceva Gino Strada...

Tu hai speso tutta la tua vita per regalarne ancora un pò agli altri, quelli che soffrivano per la guerra e per la fame, quelli che avevano poche speranze di sopravvivere senza di te. Tu oggi hai un posto d'onore in Paradiso, ma non è sufficiente, ti dovrebbero fare SANTO SUBITO, ma non basterebbe ancora...

Riposa in pace Gino, qui nessuno ti dimenticherà MAI!

Atom

Powered by Nibbleblog