The Mozetic Carlo's WEB site

Nel mondo c'è tanta gente che "dice" di saper fare cose straordinarie, ma sono in pochi quelli che le sanno fare realmente...

Calenda 5.1 - Ciak, Azione!

Dec 012019

undefined

Quest'uomo sta diventando un mito, ma dall'altra parte fa anche tanta tenerezza perché la sua carriera politica negli ultimi tempi è andata in declino. Un feroce destino che si spera inverta presto i pronostici con la nascita della sua nuova creatura politica: Azione (da me ribattezzata Calenda 5.1, più o meno come Windows XP, un OS assai longevo e apprezzato da tantissimi utenti, me compreso). Azione, secondo Calenda, dovrebbe in qualche modo ricalcare le orme politiche di Don Luigi Sturzo e del suo liberalismo popolare, ma al momento si presenta solo come una mediocre riedizione grafica del logo degli Avengers. Ecco le prove.

undefined

Carlo nasce da una famiglia più che benestante e fin da piccolo ha avuto un grande successo, prima come attore (Calenda 1.0) lavorando già nel 1984 nello sceneggiato televisivo "Cuore", diretto da suo nonno Luigi Comencini. Poi, dopo la laurea in Giurisprudenza conseguita alla "Sapienza" di Roma e dopo un breve tirocinio in alcune società finanziarie approda alla Ferrari, ai tempi di Luca Cordero di Montezemolo, diventando in breve tempo un manager di un certo livello (Calenda 2.0). Con questo ruolo poi si sposterà prima a SKY, poi passerà a Confindustria, prima come assistente del presidente e poi come direttore dell'area strategica. Infine, ce lo siamo ritrovati pure come direttore generale dell'Interporto Campano nel Comune di Nola (NA).

E dopo aver coltivato strenuamente per anni gli interessi pubblici e privati di Montezemolo, finalmente nel 2013 entra in politica in grande stile (Calenda 3.0). Inizialmente diventa Vice Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Letta, carica che manterrà successivamente anche nel Governo Renzi con delega al commerico estero, prima che quest'ultimo facesse fuori la Ministra Guidi, travolta da uno scandalo finanziario ancora non del tutto chiarito. A questo punto Calenda fu eletto Ministro dello Sviluppo Economico ad interim, carica che poi gli verrà confermata a pieno titolo per tutta la durata del Governo Gentiloni.

Esaurita la carica istituzionale di Ministro Calenda decide di mantenere alto il suo impegno politico iscrivendosi al PD (Calenda 4.0), e lì iniziò inesorabilmente il suo veloce declino, professionale, morale e spirituale... praticamente roba da suicidio! Nel tritacarne mediatico ha cercato in tutti i modi di rimanere a galla e quando l'intera dirigenza renziana fu "epurata" dalla nuova segreteria con a capo Zingaretti, tentò perfino di seppellire l'ascia di guerra fra i due antagonisti offrendo loro un pasto caldo a casa sua... Niente da fare, il povero Calenda fu "sputazzato" da entrambi come un lercio barbone, pidocchioso e rompicoglioni.

Ma poi venne la goccia che fece traboccare il vaso: dopo la rovinosa caduta del primo Governo Conte sia il M5S che il PD hanno entrambi vinto il primo premio del partito più "voltagabbana" della storia d'Italia, accordandosi ESCLUSIVAMENTE per conservare i propri seggi, sia alla Camera che al Senato (tesi questa già smentita più volte da entrambi i partiti, ma alla quale ormai tutti ne siamo tristemente consapevoli). E tutto questo lo hanno fatto sulla base di un accordo stipulato in extremis fra Matteo Renzi e... (udite udite) Beppe Grillo. Detta così pare proprio una barzelletta, peraltro anche abbastanza divertente, ma invece è andata proprio così! E a quel punto il buon Calenda cosa fa? Piuttosto che avallare pateticamente uno sputtanamento così plateale, bieco e vergognoso come invece ha convenuto l'intera dirigenza PD per mantenere le propie chiappe incollate alle poltrone istituzionali, ha preferito il divorzio "a strappo" dal partito, e così ha deciso di fondare il suo primo soggetto politico chiamandolo infelicemente, "Siamo Europei" (Calenda 5.0). Dico "infelice" perché anche lui dev'essersi accorto che questo nome era una minkiata, anche alla luce delle recenti "metamofosi" di Bruxelles. Ma prima di entrare in questa nuova veste Carlo Calenda si è pure tolto qualche sassolino dalle scarpe incazzandosi come una bestia e sparando ad alzo zero contro il PD all'ultima festa dell'Unità, in presenza dell'allora Senatrice Paola De Micheli che nel frattempo guardava per aria perché si vergognava come una ladra.

Ma anche nei talk show fa sentire il suo disgusto più totale nei confronti del partito da cui si era appena tristemente separato, ecco un frammento della puntata dei primi di settembre di "IV Repubblica", di Nicola Porro.

E al termine del suo memorabile intervento, esattamente al minuto 7.30, fa un rapido accenno al penoso discorso di Beppe Grillo appena pubblicato sul suo blog personale, sembra un vero e proprio delirio lucido e patologico che ho deciso di riportare di seguito per mostrarVi la grave situazione politica in cui oggi si trova invischiato il nostro povero Paese.

Qualora si ignorasse che Beppe Grillo è stato (e forse ancora lo è) un noto comico italiano, guardando questo video si potrebbe anche pensare che quest'uomo è decisamente "fulminato", o quanto meno strafatto con qualche potente sostanza allucinogena... Ebbene è proprio lui quel personaggio, venerato nonché ancora caldeggiato dai 5 Stelle, che sarebbe recentemente piombato a Roma per tentare di sostenere (e salvare) in extremis il nostro attuale Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ex Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, la cui identità istituzionale recentemente ha iniziato a vacillare a causa della sua scarsa credibilità politica, ormai miseramente ridotta a valori prossimi allo zero.

In quest'ultimo video è evidente che il Ministro Di Maio deve avere qualche problema ai muscoli del viso, sembra infatti soffrire di una strana sindrome che lo costringe a sorridere continuamente anche in presenza di curiosi personaggi che raccontano valanghe di puttanate stratosferiche per le quali a chiunque altro verrebbe da piangere per la disperazione. E questa specie di "paralisi" che ha colpito il volto del nostro attuale Ministro degli Esteri, stampandogli permanentemente sulla faccia un ridicolo sorrisetto sarcastico in qualsiasi situazione, sembra essere diventato oggi un disturbo cronico e compulsivo... e ci dispiace. Facciamo un augurio al Ministro Di Maio di ritrovare presto la capacità di mostrare i suoi veri sentimenti.

Ma Carlo Calenda ha anche una capacità di autocritica formidabile, assolutamente fuori dal comune. Non so se si sia mai pentito di aver imbastito una ridicola e assurda gara per l'assegnazione ai privati delle frequenze ad Onde Medie dismesse dalla RAI, o dall'aver indicato la Arcelor Mittal come miglior contraente per le nostre gigantesche acciaierie, ma di certo si è pentito della sua tenace adesione al liberismo ideologico che lo ha costretto a raccontare per trent'anni "le più grandi cazzate che si siano mai sentite nella storia", parole sue...

Ma Calenda ha anche il pregio di avere uno spirito temerario, perché a differenza di Matteo Renzi che anch'egli si è separato recentemente dal PD e che vanta ancora di avere il controllo di almeno un centinaio di Parlamentari fra Camera e Senato, il buon Carlo ha avuto il coraggio di divorziare dal PD e di ricominciare daccapo in politica creando e promuovendo personalmente un nuovo soggetto politico a partire da zero, e secondo me ci vuole un bel coraggio oggi a fare una scelta del genere, anche dal punto di vista economico... Nei termini di un confronto per onestà intellettuale contro Renzi non ci sarebbe proprio partita, Calenda batterebbe Renzi 10 a 0 a occhi chiusi e senza toccare la palla... Eh sì, nel rapporto coraggio/opportunismo c'è una profonda differenza fra Carlo Calenda e Matteo Renzi, infatti credo e spero che Mr. Calenda avrà quasi certamente un posto d'onore nel futuro della nostra democrazia, mentre a Renzi purtroppo rimarrà solo il tempo per smaltire il torbido veleno che si è autoinstillato per perorare meglio le sue le querele, spesso inopportune, talvolta anche ridicole. La candela che brucia da entrambi i lati fa il doppio della luce, caro Matteo, ma dura la metà del tempo...

Tuttavia c'è anche da dire che il buon Carlo non mostra proprio di essere in una forma fisica perfetta, ad oggi ha totalizzato soltanto 46 primavere ma ne dimostra almeno una decina in più... E poi se smettesse di fumare farebbe un favore anche alla sua famiglia. Insomma, caro Carlo: datte da fà, è il tuo momento!... E daje! Io ti auguro di campare bene e in salute per altri cent'anni, ma visto che sei rimasto uno dei pochi politici in Italia ad avere la fortuna di poter mantenere la coerenza con le proprie idee, oltre che a una encomiabile lucidità intellettuale, cerca anche di curare un pò di più l'aspetto fisico, che poi è quello che ti farà andare avanti nella vita...

Trasformisti al Governo

Aug 292019

undefined

E così il grande "tritacarne" del Parlamento italiano ha ricominciato a girare, ma senza "scardinare" le poltrone tanto duramente conquistate in occasione delle elezioni politiche dell'anno scorso... E mi tocca fare pure i complimenti a Matteo Renzi, che stavolta è veramente riuscito a moltiplicare pani, pesci, carne e formaggio con una unica e abilissima mossa strategica senza precedenti nella storia della politica italiana, almeno dal punto di vista "pirotecnico": in pratica, facendo leva sulla probabile e imminente "minaccia elettorale", è riuscito miracolosamente a trasformare dei poderosi e forzuti tori incazzati in mansuete vacche grasse e timide semplicemente schioccando le dita... Ma manco il Mago Otelma avrebbe saputo fare altrettanto e senza alcuno sforzo. Bella mossa, non c'è che dire...

Perché trasformisti al Governo? Semplice, perché Luigi Di Maio il 18 luglio scorso, cioè circa un mese e mezzo fa in occasione di uno dei suoi recenti "sfoghi virtuali" sui social nei confronti della Lega, aveva detto pubblicamente che non avrebbe mai votuto avere nulla a che fare con il PD (in quell'occasione lo aveva pure definito il "Partito di Bibbiano", un'associazione piuttosto infelice che gli è valsa una bella querela). Ecco il video di quello sfogo:

E oggi invece fa finta di niente, ed è tutto contento perché va a governare col PD. Alla faccia della coerenza! Analogamente anche il PD, che da appena 15 mesi ha perso clamorosamente le elezioni politiche, fino a l'altro ieri diceva: "..mai con i 5 stelle!"; e oggi invece tutti i loro principali esponenti hanno il coraggio di gridare in coro: "..mai dire mai!"... e lo fanno pure a testa alta come se si vantassero di mostrare questa loro "doppia moralità". Due entità politiche con vedute diametralmente opposte, ciascuna con una propria identità evidente e consolidata nel tempo (solo all'apparenza, a quanto pare...), che improvvisamente decidono di rinunciare ai propri ideali e di convergere insieme verso un unico obiettivo comune che ha il sapore disgustoso della PURA CONVENIENZA... E hanno pure il coraggio di raccontarci che tutto questo ribaltone è stato concepito solo per il bene dell'Italia, e non per tenersi strette le loro poltrone alla Camera e al Senato... Ma come si fa a dare retta ancora a questa banda di scappati di casa?!

Salvini è un ottimo politico e di lungo corso, ma ultimamente s'è fatto fregare come un pollo e questo non gli fa onore. E ciò mi fa riflettere negativamente sulla eventuale futura capacità della Lega di saper gestire i "volponi" politici degli altri Paesi UE. Quando un capo politico decide di staccare la spina a un Governo di cui fa parte, senza considerare la naturale tendenza dei nuovi Parlamentari a spalmare abbondante colla sul proprio seggio al momento della nomina, sarebbe come segare il ramo dell'albero su cui ci si trova seduti. E non ci si può fidare solo delle rassicurazioni di un avversario, in questo caso di Zingaretti, che dice in pubblico di non vedere l'ora di ritornare al voto mentre invece si ritrova a fare il segretario di un Partito in cui ancora oggi conta come il due di coppe quando briscola è denari. Eh sì perché in Parlamento ci sono ancora 100 renziani (70 alla Camera e 30 al Senato) che fanno il bello e il cattivo tempo fra banchi della sinistra e che non hanno nessuna intenzione di ritornarsene a casa... Eeeeh capitano mio capitano... non ci si può far fregare in questo modo!

undefined

Ma l'improvviso trasformismo dei grillini è stato qualcosa di emblematico, un fenomeno che non si era mai visto in natura, roba da far impallidire luminari e scienziati di livello internazionale... Si dice che anche la Chiesa abbia richiamato urgentemente in Vaticano tutti i migliori esorcisti per scongiurare futuri eventi malevoli... Eppure oggi hanno ancora il coraggio di vantarsi di essere diventati il primo partito in Italia dopo aver INGANNATO per anni gli italiani giurando di essere il nemico n.1 del PD e della vecchia politica... E invece, dopo aver somatizzato il bottino elettorale e a distanza di soli 15 mesi, hanno deciso in blocco di rinnegare improvvisamente la propria identità politica e di andarci a governare insieme. Ma pensa un pò! Un voltafaccia del genere non ha precedenti, una pagliacciata istituzionale che non era mai stata concepita nella storia della Repubblica, e non soltanto di quella italiana. L'anno scorso hanno pure detto e ridetto che avrebbero "aperto il Palazzo come se fosse una scatoletta di tonno"... Ha ragione la Meloni quando dice che OGGI sono LORO ad essere diventati QUEL tonno... chiusi e sigillati dentro a una ridicola scatoletta. Che vergogna, che schifo!

undefined

Ci salviamo solo perché anche Mentana, senza volerlo, ci ha messo sopra il suo carico da 11 con la storia del tonno e della scatoletta durante una delle sue imperdibili Maratone pomeridiane. A questo punto non ci rimane che riderci sopra, quando la politica diventa una vera e propria barzelletta possiamo solo considerarla tale e approfittarne per farci sopra una grande risata. E sarà divertente anche osservare le "acrobazie" che Conte dovrà inventarsi nel tentativo di mediare le esigenze contrapposte del PD e del M5S... Poveraccio! Chissà per quanto tempo ci riuscirà, staremo a vedere. Volendo sintetizzare questo infausto evento politico in due parole direi proprio che: Renzi ha vinto, Salvini ha perso e i grillini hanno fatto la figura dei peracottari, soprattutto Di Maio, Casaleggio junior e pure Grillo, il sedicente "elevato"... E prendersi pena per questi personaggi ridicoli, ripugnanti e avvezzi al più disgustoso mercimonio è un esercizio inutile, ancorché controproducente. Anche il tentativo di voler spiegare ai loro sostenitori il motivo per cui questo tipo di accordi hanno sempre una breve durata è diventata ormai una pratica sterile. Un certo Matteo, quasi 2000 anni fa scrisse sul Vangelo (in buona sostanza): è inutile gettare le perle ai porci, perché essi non capiscono e vi si rivolteranno contro...

Ma adesso vediamo invece il lato positivo di tutta questa faccenda, e che a noi fa molto comodo: questo nuovo Governo DEVE assolutamente fare sempre e continuamente qualcosa di MOLTO utile (e soprattutto di tangibile) per i cittadini e per l'opinione pubblica... Qualsiasi situazione che provocherà perplessità, delusione o malcontento sarà la molla che caricherà l'autodistruzione definitiva di questo esecutivo, che sarà costretto a muoversi sempre in equilibrio precario sul filo di un rasoio, e questo Salvini lo sa perfettamente... In pratica tutti coloro che in un prossimo futuro saranno chiamati a governare l'Italia, e che vedremo presto gongolare felici e sorridenti in TV, avranno in realtà una bella bomba a orologeria legata stretta stretta al sedere e pronta ad esplodere alla minima minkiata che combineranno... tutte pedine sacrificabili, al più piccolo errore saranno fottuti, non avranno più nessuna credibilità... e secondo me è inevitabile che prima o poi qualcosa andrà storto fra il PD e il M5S, c'è poco da fare. Ergo, presto arriverà il momento della resa dei conti, basta solo saper aspettare... Auguri al nuovo Governo!

Anche Nadia ci ha lasciati

Aug 132019

undefined

Hai lottato come nessun altra avrebbe saputo fare al posto tuo... ma alla fine purtroppo ha vinto lui, il tuo nemico, il nostro peggior nemico: il cancro. Ma al di là di chi crede nel destino ipotizzando che per ogniuno di noi esiste una data di congedo in cui verremmo allontanati da questo mondo, mi domando come si fa a morire così a 40 anni... Cancro al cervello... ma come è possibile?!

Beh io forse una risposta ce l'avrei, ovviamente si tratta solo di una mia idea "malsana", peraltro anche abbastanza azzardata, però credo che questo mio atroce dubbio potrebbe venire a chiunque se fosse al corrente di ciò che ora scriverò.

Tu eri nativa di Brescia, e non so per quanti anni hai vissuto lì, ma quella è ancora oggi una fra le terre più inquinate al mondo, anche se apparentemente non si vede. Ed è proprio quel tipo di inquinamento che favorisce il cancro, normalmente si manifesta subdolo e improvviso in qualsiasi parte del corpo molti anni dopo essere stati contaminati. A tale proposito scrissi un articolo alcuni anni fa proprio su questo stesso blog, chiunque volesse approfondire l'argomento può leggerlo semplicemente cliccando QUI.

Vivere a Brescia non è pericoloso, ma per chi ci vive la probabilità di assumere alimenti contaminati che siano stati coltivati o allevati in zona aumenta considerevolmente. Mi riferisco alla frutta, alla verdura, e in generale anche alle carni di animali da macello allevati in loco (suini, ovini, bovini e pollame) senza controlli e alimentati con mangimi ricavati da vegetali provenienti dal medesimo territorio, cioè quello che normalmente fa un contadino qualsiasi in casa propria, ignaro di questi pericoli, pensando di produrre per se alimenti genuini. Nel bresciano c'è una bomba ecologica peggiore di quella di Chernobyl, e questa non è una mia "estrosa" valutazione, è tutto scritto nero su bianco sul libro di Marino Ruzzenenti "Un secolo di cloro e... PCB", Editore Jaca Book (01/10/2001). Se volete compratevelo su Amazon, leggetevelo, ne vale la pena.

Hai finito di soffrire, riposa in pace Nadia, ricorderemo per sempre il tuo magico sorriso.

Luna, una conquista o un grande bluff?

Jul 202019

Ero piccolino, avevo quasi 4 anni quando ricordo che quella sera in TV c'era Tito Stagno che faceva la telecronaca di quell'evento... Non capivo molto quello che stava succedendo, ma mia mamma mi disse che era una cosa importante, molto importante per tutti. Eravamo tutti lì davanti alla TV, c'era mia mamma, mia nonna e mio nonno... e poi c'ero io che guardavo la TV, non tanto perché capivo che di lì a poco l'uomo avrebbe messo piede sulla luna per la prima volta, la guardavo più che altro perché ero affascinato da quella strana scatola in cui si vedevano le immagini e si sentivano le voci di altri che non conoscevo e che chissà dove si trovavano.

Ricordo che allora fu un evento planetario senza precedenti e lo è stato per molti anni in seguito. Ma da più di vent'anni qualcuno aveva cominciato a sostenere che quell'evento in realtà fosse tutta una messa in scena degli americani. All'inizio non ci avevo dato peso più di tanto, c'è tanta gente che mette in dubbio la propria esistenza su questo mondo figuriamoci se non arriverebbe a mettere in dubbio quello che la gran parte dell'opinione pubblica dava già per scontato... Poi però ho cominciato a leggere qualche articolo sull'argomento e mi sono reso conto che qualcosa di strano c'era veramente, qualcosa che nessuno ha mai saputo spiegare con assoluta certezza. Per chi volesse approfondire questo argomento qui sotto c'è un documentario molto interessante di Giovanni Minoli che secondo me dovreste vedere:

A me piacerebbe credere che l'uomo sia veramente andato sulla luna e che tutti quelli che dicono il contrario siano soltanto una banda di gente stupida in grado solo di criticare... Però devo ammettere che nemmeno io oggi sono poi così convinto che l'uomo sia andato veramente sulla luna cinquant'anni fa, ci sono troppe cose che non quadrano. Una fra tutte l'incompatibilità tecnologica che aveva a disposizione la NASA alla fine degli anni '60 per poter garantire il sostentamento della vita oltre le fasce di Van Allen. O meglio: io credo che forse negli anni '70 l'uomo abbia realmente conquistato la luna con le missioni Apollo, ma mi pare difficile, se non impossibile, che sia stata proprio la missione Apollo11 a raggiungere questo obiettivo nel 1969. Ne ho parlato anche all'Università con Franco, un mio caro amico che oggi insegna... Beh lui è uno di quelli che è addirittura convinto che sulla luna non ci sia mai arrivato nessuno, secondo lui il livello tecnologico di quei tempi non avrebbe mai consentito all'uomo di arrivarci e soprattutto di poter ritornare sulla terra, per lui sarebbe stato tutto un "bluff" organizzato ad arte dagli americani per convincere l'opinione pubblica mondiale che loro avevano a disposizione una tecnologia superiore a quella dei russi. E qui sorgerebbe anche un'altra bella domanda: come mai i russi fino ad oggi non hanno mai nemmeno tentato di eguagliare il primato americano? Sono stati troppo fessi e ignoranti oppure sono stati molto più seri e concreti? Io propenderei di più per la seconda ipotesi...

27 anni fa a Palermo

Jul 192019

undefined

Ventisette anni fa, meno di due mesi dopo l'attentato al Giudice Falcone, il 19 luglio del 1992 più o meno verso le 5,00 di pomeriggio anche il Giudice Paolo Borsellino saltò in aria con i suoi Agenti di scorta a Palermo in Via D'Amelio, sotto alla palazzina dove abitava sua sorella e la sua mamma. In quell'occasione Cosa Nostra usò una Fiat 126 rubata e parcheggiata sotto l'abitazione della mamma del Giudice e riempita con una novantina di chili di esplosivo, il "SEMTEX H" (H sta per indicare le dosi, e cioè più o meno un fifty-fifty della miscela di pentrite e T4). L'innesco era collegato al pulsante del citofono posto all'ingresso della palazzina.

Dopo la morte di Falcone pare che ci fu una trattativa fra lo Stato italiano e la mafia, onde evitare una pericolosa escalation di stragi e di violenza, e proprio in occasione di quella trattativa sembra che fu decisa la sorte del Giudice Borsellino: il suo scalpo in cambio di un passo indietro di Cosa Nostra. Ma proprio qualche giorno prima dell'attentato di Capaci, l'8 maggio 1992, durante un audizione in Commissione antimafia, il Giudice Borsellino lamentava dei ritardi nell'installazione di un computer per facilitare la consultazione dei fascicoli e denunciava l'indisponibilità di avere una scorta anche durante i suoi movimenti del pomeriggio, ecco un audio estratto di quell'incontro riportato da "Il Giornale".

E fu anche per questo motivo che allora, assieme al Giudice Borsellino, morirono anche cinque Agenti di scorta fra cui anche una donna, Emanuela Loi, la prima donna chiamata a far parte di una scorta armata nelle Forze di Polizia e purtroppo anche la prima a cadere in servizio.

E anche Bellavista tacque...

Jul 182019

undefined

E pure tu te ne sei andato, proprio il giorno dopo quello in cui ci ha lasciato il grande Maestro Camilleri... e chi se lo aspettava! Ci hai fatto riflettere, ci hai fatto guardare il mondo con altri occhi, i tuoi occhi... e poi ci hai fatto anche ammazzare dalle risate col tuo modo sarcastico di vedere le cose. Grazie Luciano, grazie per essere stato un raro esempio di vita, grazie per averci donato un pò della tua felicità. Riposa in pace.

Buon riposo Maestro

Jul 172019

undefined

Ci mancherai, tanto! Ci sono voluti vent'anni per poterti apprezzare e per imparare a volerti bene come a un padre... e c'è voluto soltanto un mese per portarti via da questo mondo. Riposa in pace Andrea.

Taranto - Disastri... sinistri

Jun 272019

undefined

6 settembre: ultima frontiera. Ecco i viaggi dell'astronave ArcelorMittal, durante la sua missione quinquennale diretta all'usurpazione di nuovi fondi, alla devastazione di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. (James Tiberius Kirk, o quasi...)

Ecco nascere una nuova spada di Damocle, il classico ricatto del terzo millennio firmato dalla nuova proprietà della più grande acciaieria d'Europa: o ci ridate l'immunità penale e amministrativa o vi chiudiamo lo stabilimento di Taranto! Non bastavano le minacce di Bruxelles di affibbiarci una procedura di infrazione con la scusa del debito elevato pur avendo rispettato i parametri economici... Non bastava il clamoroso silenzio dell'Europa, dell'Olanda e della Germania (e anche della Magistratura italiana) sul caso Sea-Watch-3 e sul suo carico di clandestini... Adesso pure gli industriali franco-indiani e con la sede in Lussemburgo (noto paradiso fiscale legalizzato all'interno della UE), freschi freschi di accordo col Governo italiano per incorporare la ex Ilva, ci ricattano d'avanti al mondo intero e senza alcuno scrupolo... Ma roba da matti!...

E poi perché ci ricattano?! Rivogliono l'immunità penale in caso di "problemi ambientali"... e perché la rivogliono? Forse proprio perché hanno intenzione di continuare a perseverare nel provocare disastri ambientali sul nostro territorio? No, non è esattamente così, il "trucco" è molto più sottile: siccome il Commissario straordinario aveva ricevuto in regalo uno "scudo" penale e amministrativo che lo preservava dalle responsabilità criminali della vecchia proprietà dell'Ilva, adesso quelli dell'ArcelorMittal non vogliono che venga eliminato questo scudo, come previsto dal Decreto Crescita... Così se nel breve periodo non si risolveranno i problemi di inquinamento dell'impianto di Taranto loro possono sempre dire che questi problemi derivavano dalla precedente sciagurata gestione, e così di fronte alla Giustizia italiana avranno un modo elegante di salvarsi le chiappe anche per il futuro... Fico no?!?

Ma a questo punto la domanda sorge spontanea: CHI E' QUESTA "VOLPE" CHE SI E' INVENTATO 'STA STORIA DELL'IMMUNITA' PENALE PER LO STABILIMENTO DI TARANTO? Eh sì perché si tratta di un diritto anticostituzionale che per la prima volta sancisce una diversa applicabilità delle Leggi italiane nei confronti di alcuni individui rispetto ad altri (leggi l'Art.3 della Costituzione), un precedente così non se l'erano inventato nemmeno nei confronti di Totò Riina... Così ho deciso di indagare e ho scoperto che... Ebbene sì, care signore e cari signori, anche questa puttanata stratosferica è stata ideata dai nostri precedenti e "illuminati" Governi, in particolare proprio dal Governo Renzi nel 2015. Sì, proprio il Governo di quel Matteo lì, quello del famoso "jobs-act", vi ricordate? Quello cioè che ha abolito l'articolo 18 e che ha spianato definitivamente la strada alla precarietà in Italia in cambio di una mancetta elettorale di 80 euro... Quello un pò esaltato che negava l'evidenza e che diceva tutto il contrario di tutto, quello che sparava cazzate in continuazione, come quella di aver dato un lavoro a un milione di disoccupati (forse era meglio dire che ha rovinato più di un milione di famiglie, perché prima ha fatto licenziare i lavoratori con contratti stabili e poi li ha fatti riassumere come precari, con la paga dimezzata e a tempo determinato). Quello che si è svenduto l'Alitalia alla Etihad e poi coi soldi degli italiani ha affittato dalla medesima compagnia aerea un bel "AirForce" personale, usato e ricondizionato per l'occasione, con quattro potenti motori per andare a fare il fico in giro per il mondo accompagnato dai suoi amichetti più leali e affidabili (leccaculo insomma). Quello che voleva cambiare la Costituzione italiana, che voleva abolire il Senato, quello che dopo otto mesi di chiacchiere e di inutili tira e molla ha fatto approvare una legge elettorale inapplicabile perché definita "incostituzionale" dal Consiglio di Stato... Quello della Leopolda, del "giglio magico", quello che di nascosto ha finito di regalare la rete Telecom ai francesi in cambio di un miserabile ok di Bruxelles a tollerare qualche decimale di deficit in più nelle nostre leggi di bilancio... Quello che ha detto ai pensionati che se volevano andare prima in pensione dovevano chiedere un prestito in banca e stipulare un'assicurazione sulla vita a spese loro. Ma sìii, quello che ha salvato le banche toscane e venete coi soldi dei risparmiatori, quello che si è impossessato del PD e che si è portato in Parlamento solo gli amici suoi e tutti gli altri li ha gentilmente messi alla porta invitatandoli pure a lasciare il Partito (praticamente li ha buttati fuori a calci nel sedere)... Quello che diceva di voler rottamare tutto e tutti e che invece alla fine si è rottamato da solo, trascinandosi dietro tutto il PD, o quello che ne era rimasto... Sìii, proprio lui, proprio quel Matteo lì!...

E vediamo come ci sono arrivati questi gran "scienziati" a partorire questa norma dell'immunità penale: il 5 gennaio 2015 esce un bel Decreto Legge che potete leggere cliccando QUI in cui all'Art. 2, comma 6 (pag.4), ci sono scritte le testuali parole in riferimento alla ex Ilva di Taranto: "Le condotte poste in essere in attuazione del Piano di cui al periodo precedente non possono dare luogo a responsabilita' penale o amministrativa del commissario straordinario e dei soggetti da questo funzionalmente delegati, in quanto costituiscono adempimento delle migliori regole preventive in materia ambientale, di tutela della salute e dell'incolumita' pubblica e di sicurezza sul lavoro."

Ma non finisce qui: se notate di seguito a tale provvedimento che è stato convertito in legge il 4 marzo 2015 (il cui testo definitivo potete leggerlo cliccando QUI) a pag.12 c'è scritto anche che: "La regione Puglia, al fine di assicurare adeguati livelli di tutela della salute pubblica e una piu' efficace lotta ai tumori, con particolare riferimento alla lotta alle malattie infantili, e' autorizzata ad effettuare interventi per il potenziamento della prevenzione e della cura nel settore della onco-ematologia pediatrica nella provincia di Taranto, nei limiti di spesa di 0,5 milioni di euro per l'anno 2015 e di 4,5 milioni di euro per l'anno 2016."

Cioè, in sostanza: per l'Amministrazione straordinaria della ex Ilva in caso di disastri ambientali è prevista l'immunità penale e/o amministrativa, pertanto non si va in galera né per i morti di cancro e neppure per per i miliardi che spariscono, e ovviamente queste garanzie i dirigenti dell'ArcelorMittal vorrebbero che fossero mantenute anche in futuro, a differenza di tutti gli altri poveri comuni mortali cittadini; mentre per quei poveracci che sono già ammalati o che si ammaleranno di tumore negli anni avvenire per colpa dei disastri ambientali provocati dalla ex Ilva, ma anche per ciò che la gente di Taranto si respira oggi e che probabilmente si respirerà anche in un prossimo futuro, prevediamo di aumentare i fondi destinati alla lotta contro il cancro nella regione Puglia con qualche spicciolino che ci avanza... ma questo solo fino al 2016 però! E dopo?!? E dopo... salutame a soreta! QUESTO è quello che ha scritto e che ha fatto approvare in Parlamento il Governo Renzi nel 2015 imponendo il voto di fiducia, niente di più e niente di meno. A questo punto Montalbano salterebbe sulla seggiola esclamando "mmminkia!" Embé, tali passaggi in una Legge dello Stato italiano si commentano da soli, non mi pare sia necessaria una ulteriore "traduzione"... E questa grandissima "pensata" di soggetti particolarmente sapienti, colti e illuminati è stata firmata da: il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, l'allora Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Gian Luca Galletti e dal Ministro dei beni e delle attivita' culturali e del turismo Dario Franceschini... Controfirmato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dal Guardasigilli Andrea Orlando. Urka l'oca!

Ma dovremmo ringraziare anche l'ex Ministro Carlo Calenda (altra grande eccellenza del precedente esecutivo, il sostituto della Ministra Guidi che nel frattempo era scivolata nel tritacarne delle intercettazioni e si è dovuta dimettere), e che ha dato un'ampia dimostrazione delle sue notevoli capacità di Ministro dello sviluppo economico (versione 2.0) mettendo in piedi un finto teatrino, tanto ridicolo quanto ignobile con l'unico scopo di accontentare oscuri soggetti di dubbia credibilità, chiamato impropriamente "Bando di gara per l'assegnazione ai privati dei canali radio OM dismessi dalla RAI". Per chi fosse interessato QUI c'è la parte conclusiva di tutta quella strana storia, però bisogna saperla leggere BENE per capire da dove si è partiti e soprattutto dove invece sono arrivati questi furbacchioni...

Dopodiché il Ministro-genio ha iniziato le trattative con i "benefattori" della ArcelorMittal, trattative che aveva già concluso in quattro e quattr'otto, giusto in tempo per potersene vantare in campagna elettorale, tollerando ben 700 esuberi in più di quanto poi sono stati gli accordi con l'attuale Governo in carica. E intanto questi "benefattori", scelti a suo tempo dall'encomiabile Ministro Calenda e che purtroppo ormai avevano il coltello dalla parte del manico, non appena hanno definitivamente siglato l'accordo con le attuali Autorità italiane hanno subito messo 1400 persone in cassa integrazione con la scusa ridicola che purtroppo il lavoro è diminuito... E dopo tutto questo devastante scempio, legge elettorale compresa, ancora oggi Zingaretti e i suoi gregari si compiacciono delle attività svolte nella precedente legislatura e, affranti, si domandano come mai la maggior parte degli Italiani hanno deciso in massa di cambiare registro e di mettere qualcun altro a governare questo Paese... Chissà come mai... mmmah!...

In memoria di Giovanni Falcone

May 232019

undefined

Nessuna vittima della mafia potrà mai dimenticarti, eppure ancora oggi qualcuno ha il coraggio di rinnegare il tuo operato con il loro silenzio o con la loro triste assenza... E così offende la tua storia e i tuoi valori, i NOSTRI valori! Non c'è altro da aggiungere.

Conad Vs. Auchan

May 192019

undefined

Auchan diventa Conad? Manco per niente, magari fosse così... Conad si è appena comprata tutti i supermercati Auchan presenti in Italia, che a sua volta se ne ritorna quatta quatta in Francia, gongolando, e pronta a spendersi lì i soldi che si è guadagnata qui... fico no?! E che ne sarà di quelli che fino a ieri in Italia campavano e facevano campare la propria famiglia lavorando per Auchan? Si dice in giro che una buona parte verranndo "riassorbiti" dalla Conad... E gli altri?! Che ne sarà di quelli che rimarranno fuori dal coro? La prossima volta che sento dire da qualche "genio" (alias politico imbecille, fancazzista e che si venderebbe il culo della madre pur di tenere quello suo incollato a una lussuosa poltrona istituzionale) che dobbiamo favorire le condizioni per "attirare investitori stranieri in Italia" giuro che mi incazzo come un toro già parecchio incazzato quando si vede sventolare davanti un drappo rosso!
Solo gli investitori e gli imprenditori italiani hanno il diritto (e il dovere) di investire i propri soldi in Italia. E voi, ridicoli "magnati", laidi opportunisti paraculi d'oltralpe, statevene a casa vostra invece di venire qui a sciacquarvi le palle nei nostri mari d'estate, a deriderci e criticarci in continuazione, a sfruttare la nostra gente, il nostro lavoro e le nostre fatiche per poi abbandonarci al nostro destino non appena vi siete riempiti le vostre luride tasche bucate con i NOSTRI soldi! Mi riferisco soprattutto ai "cugini" francesi, agli inglesi, agli austriaci, agli olandesi, agli svedesi e più in generale a tutti i prezzolati "burocrati europei", che da anni razzolano attorno a Bruxelles esultando sopra un enorme tappeto di banconote... E' ora di finirla, AVETE ROTTO!
Ah dimenticavo, un messaggino ai ns. "cuginetti" d'oltralpe: ridateci la nostra rete telefonica! Già, quella rete che vi siete accorpati qualche anno fa nel più assoluto silenzio e a costo zero col placet del nostro precedente Governo, guidato da un ignobile clan di toscani viscidi e arroganti. Ricordatevi che noi quel maledetto toscano che purtroppo ci rappresentava lo abbiamo già rimandato a casa con numerosi e sonori calci nel sedere, mentre voi ne avete ancora uno fresco fresco all'Eliseo che vuole a tutti i costi imitare il ns. ex Premier e che ancora non siete riusciti a levarvelo dalle scatole. La rete TIM (ex Telecom, ex SIP) è la NOSTRA rete, che abbiamo tirato su NOI italiani con tanti sacrifici e tanto sudore... con la quale adesso vi state allegramente "ingrassando la panza" allineandovi al cartello istituito dai gestori delle altre reti telefoniche alternative che abbiamo in Italia e che purtroppo nessuno controlla. Fate veramente schifo, e vi dovreste vergognare di esistere!

Cenni sui sistemi multicarrier

Mar 212019

undefined

Più di qualcuno mi aveva richiesto questo articolo, così ho pensato di pubblicarlo. L'articolo potete leggerlo e/o scaricarlo cliccando QUI. Si tratta di cenni sui sistemi multicarrier, anche modulati in FM, sui loro inviluppi nel dominio del tempo e su come ridurre sensibilmente il loro livello di picco attraverso un piano di sfasamento temporale di ogni singolo contributo spettrale che ciclicamente si ripresenta ogni "intervallo di coincidenza"... Ma in realtà il motivo per cui i contenuti di questo documento sembra essere diventato interessante pare che sia legato principalmente alla trattazione del paragrafo 1.2, cioè all'applicazione delle funzioni di Bessel al contenuto spettrale delle portanti modulate in frequenza, mi dicono che sia molto più chiaro ed esaustivo di quello che si trova scritto su molti testi... Meglio così!

undefined

In aggiunta all'articolo di cui sopra pubblico anche il documento relativo al "Progetto preliminare" e ai "Piani di investimento" per l'utilizzo alternativo della rete sincrona n.418 della banda OM a 1332KHz, già dismessa dalla RAI molti anni fa. Questo documento raccoglie molte informazioni utili, e anche di interesse storico, che è difficile collezionare in una singola relazione tecnica. Per questo motivo, e considerato che ormai è stata dichiarata la rinuncia a partecipare al bando per l'assegnazione del diritto d'uso di questa rete, rendo disponibile al pubblico l'intero documento che potete vedere e/o scaricare semplicemente cliccando QUI.

Buon Natale 2018

Dec 032018

E anche quest'anno è arrivato il Natale. E quindi, sulle note dei New Radicals, scelta quest'anno da Sainsbury's per un divertente promo, come ogni anno mi ripropongo di inviare online i miei migliori auguri di buone feste, soprattutto ai sedicenti "amici" che si ricordano di te solo quando hanno bisogno di qualcosa... "You get what you give"... Did you understand?!

Atom

Powered by Nibbleblog