The Mozetic Carlo's WEB site

Nel mondo c'è tanta gente che "dice" di saper fare cose straordinarie, ma sono in pochi quelli che le sanno fare realmente...

Mike Francis: la memoria e l'oblio

Oct 192018

undefined

Ve lo ricordate questo ragazzo? Eh sì, sono rimasti in pochi oggi quelli che se lo ricordano ancora, di lui non si sente più parlare da molti anni ormai perché purtroppo... ci ha lasciato... in silenzio, troppo in silenzio. Si chiamava Francesco Puccioni, in arte Mike Francis, nato a Firenze ma romano di adozione, la sua mamma era una semplicissima maestra elementare di una scuola di Roma, ma lui aveva un grande talento fin da quando era nato. Aveva il ritmo nel sangue, conosceva l'inglese alla perfezione perché aveva girato il mondo e aveva la straordinaria capacità di scrivere ed interpretare brani di grande successo, ha esordito con "Friends" e "Together", per la magica voce della bellissima e bravissima Amii Stewart, per poi presentarci "Survivor", il suo storico cavallo di battaglia che aveva scritto all'età di soli 22 anni, e successivamente con "Let me in", forse la sua canzone più bella, quando ne aveva appena compiuti 23...

Il grande Francesco ci ha lasciati a 47 anni per un micidiale cancro ai polmoni che non gli ha dato vie di scampo. Se n'è andato così, silenziosamente... Era pieno inverno, il 30 gennaio 2009, un triste venerdì mattina all'ospedale S. Pietro di Roma, fra lo sgomento di tanti amici che se lo ricordano ancora per la sua allegria e il suo modo incredibile di concepire la musica e la vita, fra una bella cena in compagnia, un buon bicchiere di vino e una sigaretta, quella sua maledetta abitudine. Lo voglio ricordare in compagnia del suo grande amico Costantino Ladisa (nome d'arte "Kosta", sax alto) e della sua band in occasione del concerto che ha organizzato per il suo 40° compleanno...

...e con la meravigliosa Adika Pongo, sempre accompagnato dalla Kosta's band al Forte Village in Sardegna in una delle sue ultime apparizioni in pubblico.

E come non ricordare anche tutti i suoi famosissimi remake di brani strepitosi, da "Josephine" di Chris Rea a "Lovely day" di Bill Withers... Un consiglio: se vi va di conoscere la musica di Francesco c'è una completa raccolta di brani di questo grandissimo artista italiano, si chiama "Anthology", se vi capita di trovarlo ancora da qualche parte o se deciderete di ordinarlo online vi garantisco che acquisterete un bellissimo cofanetto di 4CD, una collezione di 71 canzoni che non vi stancherete mai di ascoltare.

Ancora faccio fatica a credere che se ne sia andato... Quanta passione per la musica e quanto sconfinato talento ci è venuto a mancare all'improvviso... Ciao Francesco, riposa in pace.

Atom

Powered by Nibbleblog